Categories
Mondo Notizie Tecnologia

Orbit Fab annuncia il servizio di rifornimento di idrazina nello spazio

Orbit Fab, una startup che sviluppa infrastrutture per il rifornimento nello spazio di veicoli spaziali, inizierà a offrire idrazina per satelliti in orbita geostazionaria già nel 2025 ad un prezzo di $ 20 milioni.

La società ha annunciato il 30 agosto i suoi piani per iniziare a offrire servizi di rifornimento per veicoli spaziali GEO utilizzando un deposito e un veicolo spaziale “fuel shuttle”. Quel deposito sarà anche in grado di supportare veicoli spaziali come i veicoli di manutenzione che possono viaggiare verso il deposito per il rifornimento “self-service”.

Al prezzo di 20 milioni di dollari annunciato da Orbit Fab, la società fornirebbe fino a 100 chilogrammi di idrazina. È la prima volta che l’azienda ha fissato un prezzo per la fornitura di carburante, una mossa che dice di aver fatto per aiutare i potenziali clienti a comprendere meglio l’economia del rifornimento.

“Non c’è stata certezza nel mercato su quanto costerebbe fare rifornimento e quindi è quello che speriamo di fornire con questo annuncio”, ha dichiarato Adam Harris, vice presidente dello sviluppo aziendale di Orbit Fab, in un’intervista.

Orbit Fab offrirà inizialmente il servizio in GEO, con un deposito operativo in quella che Jeremy Schiel, co-fondatore di Orbit Fab, ha definito un’orbita “service lane” a circa 300 chilometri sopra GEO. Questo è progettato per mantenere il deposito fuori dalla cintura attiva dei satelliti GEO, ma appena sotto l’orbita cimiteriale dei satelliti defunti.

Oltre al deposito, Orbit Fab sta sviluppando uno shuttle che trasporterebbe carburante ai satelliti. Ciò funzionerebbe per i veicoli spaziali dotati di una porta di rifornimento chiamata Rapidly Attachable Fluid Transfer Interface (RAFTI) che Orbit Fab ha sviluppato per “l’attracco cooperativo”, ha detto Harris. “Ciò consente questi punti di prezzo commerciali per la consegna del carburante. Non stiamo facendo interventi chirurgici sofisticati su un veicolo spaziale”.

La maggior parte dei veicoli spaziali in GEO oggi, tuttavia, non hanno porte RAFTI. Orbit Fab lavorerebbe invece con la manutenzione di veicoli di aziende come Astroscale e Northrop Grumman, rifornendo di carburante quei veicoli spaziali. “Possono andare a riparare i satelliti legacy e noi possiamo servire i veicoli di manutenzione che stanno arrivando online”, ha detto Schiel. “Alla fine, quando tutti volano su un porto di rifornimento RAFTI, possiamo iniziare ad andare direttamente da loro”.

Harris ha detto che Orbit Fab sta iniziando con l’idrazina poiché è comunemente usata sia nei veicoli spaziali commerciali che in quelli governativi. “Stiamo assistendo a una grande attrazione da parte del Dipartimento della Difesa, della NASA e del settore commerciale dell’idrazina”, ha detto, ma ha aggiunto che la società si aspetta di supportare altri combustibili per i sistemi di propulsione chimica ed elettrica nel tempo.

Schiel ha detto che Orbit Fab ha sia operatori governativi che commerciali “che hanno espresso esplicito interesse a fare rifornimento nei prossimi tre-cinque anni”, ma la società non ha rivelato nulla oltre Astroscale, che ha annunciato un accordo con Orbit Fab per i servizi di rifornimento di xeno a gennaio“Stiamo lavorando per ottenerne altri entro la fine dell’anno”.

Il design del deposito, ha detto, è “fondamentalmente fatto”, mentre la società sta lavorando attivamente alla progettazione della navetta del carburante. La società ha utilizzato una serie di contratti governativi per lavorare su tecnologie chiave per quel veicolo spaziale.

Orbit Fab sta iniziando in GEO a causa della domanda dei clienti che stanno vedendo e della semplicità di operare lì rispetto alla vasta gamma di orbite terrestri basse utilizzate da diversi veicoli spaziali. “È molto più facile trovare un prezzo per GEO perché è un’orbita”, ha detto Schiel. “Dovrai avere un prezzo diverso su ogni diversa orbita in LEO a causa di come ci arriverai. Stiamo affrontando prima il facile prezzo commerciale di GEO e poi inizieremo a lavorare verso il basso. “

Leave a Reply

Your email address will not be published.