Categories
Mondo Notizie Tecnologia

L’orbiter lunare sudcoreano riesce nella manovra critica di correzione della traiettoria

SEOUL, Corea del Sud – Il primo orbiter lunare robotico della Corea del Sud sta tornando sulla luna dal punto di Lagrange L1 dopo aver condotto con successo una manovra critica di correzione della traiettoria il 2 settembre, una pietra miliare nel suo viaggio verso la luna.

Il ministero della scienza ha annunciato il 4 settembre che la manovra ha avuto un tale successo che il Korea Aerospace Research Institute (KARI), che controlla il veicolo spaziale chiamato Danuri, ha deciso di saltare un’ulteriore manovra di correzione prevista per il 16 settembre.

“La manovra è stata un passo fondamentale per Danuri per fare un viaggio a basso consumo di carburante verso la luna e raggiungere l’orbita lunare in tempo”, ha detto il ministero nella dichiarazione.

L’orbiter, lanciato il 5 agosto su un razzo SpaceX Falcon 9 dalla Cape Canaveral Space Force Station, in Florida, è su una traiettoria di trasferimento lunare balistica – che porta il veicolo spaziale verso il sole prima di tornare indietro per arrivare all’orbita lunare a dicembre. Il percorso, sebbene molto più lungo del viaggio diretto verso la luna, consente una maggiore efficienza del carburante in quanto sfrutta la gravità del sole per viaggiare.

L’orbiter – se tutto andrà come previsto – sarà catturato in orbita lunare il 16 dicembre. Una serie di manovre propulsive con i propulsori del veicolo spaziale lo guideranno in un’orbita circolare a bassa quota a circa 100 chilometri dalla superficie lunare entro il 31 dicembre. Dopo un breve periodo di messa in servizio e test, la missione di un anno del veicolo spaziale dovrebbe iniziare a gennaio.

Roh Hyung-il, un portavoce del KARI, ha detto a SpaceNews che ci sarà un’altra importante manovra di correzione della traiettoria a novembre. Una volta catturato in orbita lunare il 16 dicembre, ha aggiunto, il veicolo spaziale condurrà altre cinque manovre tra il 17 dicembre e il 31 dicembre per raggiungere la sua orbita finale a 100 chilometri dalla superficie lunare.

A partire da gennaio, Danuri – noto anche come Korea Pathfinder Lunar Orbiter – misurerà terreni, forze magnetiche, raggi gamma e altri tratti della superficie lunare utilizzando sei strumenti a bordo, tra cui una fotocamera ottica ipersensibile finanziata dalla NASA chiamata ShadowCam, durante la sua missione di un anno. L’orbiter identificherà anche potenziali siti di atterraggio per le future missioni lunari.

Leave a Reply

Your email address will not be published.