Categorie
Mondo Notizie Tecnologia

Il volo di prova con equipaggio Starliner è stato posticipato a luglio

WASHINGTON – La NASA e Boeing hanno rinviato il primo lancio con equipaggio della navicella spaziale CST-100 Starliner dell’azienda con astronauti a bordo almeno fino alla fine di luglio a causa di documenti di certificazione che hanno richiesto più tempo del previsto per essere completati.

In una telefonata con i giornalisti il ​​​​29 marzo, i funzionari hanno dichiarato di aver riprogrammato la missione Crew Flight Test (CFT) a non prima del 21 luglio. L’annuncio è arrivato sei giorni dopo che la NASA aveva dichiarato che il CFT non avrebbe avuto luogo entro la fine di aprile, come precedentemente programmato, ma ha offerto pochi dettagli sul perché.

Steve Stich, responsabile del programma dell’equipaggio commerciale della NASA, ha affermato che la maggior parte del lavoro necessario per preparare la missione CFT per il lancio sulla Stazione spaziale internazionale sarà completata entro aprile. Un’eccezione, ha detto, è il lavoro di certificazione sui paracadute della capsula. “Non ci sono problemi o preoccupazioni con il sistema di paracadute”, ha detto. “È solo questione di esaminare tutti quei dati e guardare i dati e assicurarsi che siamo pronti a volare in sicurezza.”

I paracadute sono installati sulla navicella, ma Stich ha affermato che è previsto un altro test a terra di un elemento del sistema di paracadute, un paracadute che rimuove la copertura sulla parte superiore della navicella per esporre il resto del sistema di apertura del paracadute. Quel test è progettato per confermare che può funzionare come previsto in quello che ha descritto come il “regime più elevato possibile” durante un aborto.

Mark Nappi, vicepresidente e responsabile del programma per Starliner presso Boeing, ha affermato che il ritardo nel lavoro di certificazione del paracadute è stato colpa sia dell’azienda che della NASA. “Ci è voluto più tempo per portare il prodotto alla NASA, e la NASA ha impiegato un po’ più di tempo per rivederlo con noi”, ha detto.

I funzionari non hanno discusso di potenziali problemi con i documenti di certificazione durante un briefing del 17 febbraio, quando hanno espresso fiducia nel lancio di CFT entro la fine di aprile . Stich ha detto all’epoca di aver completato l’80% dei preparativi per la missione e né lui né Nappi hanno sollevato questioni come il lavoro di certificazione come una sfida a quel programma.

“Forse eravamo un po’ ottimisti su quelle recensioni di quei prodotti nel fissare il periodo di aprile”, ha detto Stich. “Sapevamo che aprile era un buon momento per andare a volare” dato il programma delle altre missioni dell’equipaggio e del carico alla stazione.

Quando è diventato chiaro che non sarebbero stati pronti per un lancio di aprile, la NASA e Boeing hanno considerato le opzioni per un lancio di maggio, ma hanno concluso che non ha funzionato bene. Una missione SpaceX cargo Dragon dovrebbe essere lanciata sulla stazione a giugno, occupando il porto di attracco che Starliner userebbe. “Siamo giunti alla conclusione che la finestra di luglio sarebbe stata la migliore”, ha detto.

Questo programma rivisto consentirà inoltre agli ingegneri più tempo per controllare i sistemi avionici sul veicolo dopo aver trovato un errore logico in un’unità “scatola nera” chiamata controller di propulsione integrato. “Vogliamo assicurarci che questa condizione non esista da nessun’altra parte”, ha detto Nappi.

I test extra assicureranno che “abbiamo davvero strizzato il sistema per il volo con equipaggio”, ha detto Stich. “Vogliamo dare un’occhiata all’intero sistema per assicurarci di essere pronti a volare”.

La data del 21 luglio non è definitiva e dipenderà dall’elaborazione di un conflitto di portata con una missione della US Space Force, anch’essa pianificata per il lancio in quel periodo su un altro Atlas 5. “Dovremo andare a lavorare con la Space Force e l’ULA per vedere la prontezza del nostro veicolo e la prontezza del loro veicolo e se otteniamo quello slot “, ha detto Stich. Non ha identificato la missione in conflitto, ma una missione classificata denominata USSF-51 dovrebbe essere lanciata non appena giugno secondo i manifesti attuali.

Aggiornamento Sojuz

Il briefing di Starliner ha avuto luogo il giorno dopo che la navicella spaziale Soyuz MS-22, che ha subito una perdita di refrigerante a dicembre , si è sganciata dalla stazione senza equipaggio ed è atterrata in Kazakistan. Subito dopo l’atterraggio è stato riferito che le temperature nella capsula sono salite a 50 gradi Celsius, il che avrebbe messo in pericolo la salute di chiunque si trovasse a bordo.

Joel Montalbano, responsabile del programma ISS della NASA, ha affermato di aver sentito quei rapporti, ma non corrispondevano ad altri dati del veicolo spaziale. “Abbiamo una serie di domande aperte con i nostri colleghi russi per capirlo meglio”, ha affermato. Ha rifiutato di dire quali temperature aveva sentito sperimentare la capsula.

Ha stimato che ci sarebbero volute dalle due alle tre settimane per rivedere i dati dal ritorno della Soyuz, lavorando con Roscosmos. “Ci sono così tante domande su questo che cercare di speculare non aiuterà nulla.”

Una volta che gli ingegneri capiranno cosa è successo con Soyuz MS-22, ha detto, “è allora che decideremo come squadra congiunta, tra NASA e Roscosmos, di restituire i membri dell’equipaggio”. Ha aggiunto che la Soyuz MS-23, varata senza equipaggio a febbraio per sostituire la Soyuz MS-22 , funziona normalmente.

Montalbano ha affermato che il programma attuale prevede che la Soyuz MS-23 riporti sulla Terra i cosmonauti russi Sergey Prokopyev e Dmitri Petelin e l’astronauta americano Frank Rubio il 27 settembre. Se tale programma regge, i tre avranno trascorso 371 giorni nello spazio durante la loro missione. , che per Rubio stabilirà un record per il volo spaziale singolo più lungo di un astronauta americano.